By / 10th febbraio, 2017 / blog / No Comments

16710354_10210870984203604_120980116_o

 

In una stradina vicino corso Vittorio Emanuele a Palermo, nascosto in piena vista, c’è un contenitore di idee che ci piace assai: Spazio Caravan Serai, un centro culturale dedicato all’arte nelle sue diverse espressioni. Che sia artigianato, grafica, street art o altro, lì trova posto e condivisione. Difatti, se per caravanserai si intende  un luogo di sosta e di passaggio per i viaggiatori,  bisogna proprio dire che da quando il centro ha aperto, ne è passata di gente. Artisti, turisti, curiosi.

Spazio Caravan Serai nasce dall’iniziativa di Giuseppe Arici, giovane architetto che ha vissuto e lavorato a Berlino ed è tornato per dedicarsi alla cultura della propria città, progetto che condivide con altre menti creative del territorio. Il centro culturale ospita progetti differenti, dalla lavorazione dell’ottone alla serigrafia artigianale, è un co-working e un info point per il turismo alternativo.

Insomma è uno spazio multitasking: potete trovare Valerio, artista delle arti piriche e artigiano, intento a creare gli accessori totalmente handmade de La luna e il falò, oppure Luca e le illustrazioni del progetto grafico I mangiatori di patate, o ancora una camera oscura per chi ama la fotografia analogica. C’è anche un info-desk dove viene distribuita gratuitamente la mappa Use-it di Palermo, la cui prima edizione è stata creata proprio dal team di Caravanserai in collaborazione con Re Federico Cowork.

Giuseppe si occupa anche di residenze d’artista presso la sua abitazione, sita in un palazzo storico adiacente al centro: Mojo Cohouse ha finora ospitato moltissimi creativi!

Spazio Caravan Serai ha supportato anche iniziative di ampio respiro per la riqualificazione urbana della città: un evento che ci è piaciuto particolarmente è stato Inseminazione Artistica, una manifestazione culturale che ha rivalutato luoghi abbandonati di Palermo con l’intervento di street artists arrivati da tutta Italia, una vera e propria invasione di colori sul cemento.

Ma al Caravan non stanno mai fermi: in questo momento è in esposizione la mostra Animalario curata da Studio Brushwood, che sarà visitabile ancora per pochi giorni, fino al 12 Febbraio. Prendetela come ottima scusa per scoprire questo spazio così interessante, che dice tanto sull’ esuberanza creativa di noi palermitani.

Largo ideas! Here is the Caravan Serai.

In a little street near Corso Vittorio Emanuele in Palermo, hiding in plain sight, there is a place that we like much: Spazio Caravan Serai, a cultural center dedicated to art in its different expressions. Whether crafts, graphics, street art or anything, there is place and sharing. In fact, if for caravanserai means a stopping point for travelers passing through, you have to just say that since the center opened, it is passed to people. Artists, tourists, curious.

Spazio Caravan Serai was founded by Giuseppe Arici, a young architect who has lived and worked in Berlin and returned to devote himself to the culture of their city, a project that shares with other creative minds of the territory. The cultural center is home to different projects, from the machining of brass to craft screen printing, he is a co-working and an info point for alternative tourism.

In short, it is a multitasking space: you can find Valerio, artist of pyro arts and craft, intent on creating the totally handmade accessories de La luna e il falò, or Luca and illustrations of graphic design I mangiatori di Patate, or even a darkroom those who love analogue photography. There is also an info-desk where it is distributed free map Use-it of Palermo, whose first edition was created precisely by the Caravanserai team in collaboration with Re Federico Cowork.

Giuseppe is also involved in artist residencies at his home, located in a historic building just outside the center: Mojo Cohouse has so far hosted many creative!

Spazio Caravan Serai  has also supported far-reaching initiatives for urban regeneration of the city: an event that we particularly liked was Inseminazione Artistica, a cultural event which reassessed abandoned areas in Palermo with the intervention of street artists from all over Italy, a real invasion of colors on cement.

But at the Caravan are never still: at the moment is on display, the exhibition Animalario curated by Studio Brushwood, which will be open for a few more days, until February 12. Take it as a good excuse to discover this so interesting space, which says as much on creative exuberance of us Palermo.


Leave a Comment